fotografare concerto

Guida per fotografare durante i concerti

Essere fotografi di eventi, sia a livello professionale che amatoriale, è una scelta che può dare grandi soddisfazioni, ma comporta anche un alto livello di concentrazione, e la conoscenza di alcune tecniche molto importanti per far sì che il risultato finale sia soddisfacente. I movimenti e le espressioni dei musicisti sul palco regalano sempre ottimi spunti per realizzare uno scatto unico, e se si tratta di una band non ancora famosa, spesso c’è la possibilità di avvicinarsi e ritrarre più da vicino i momenti più belli dei loro concerti. Ecco qualche dritta per fotografare al meglio i concerti.

Fotografare un concerto: tutto quello che c’è da sapere

Consigli tecnici per fotografare durante i concerti

fotografare concertoInnanzitutto, utilizza la modalità manuale. Durante un concerto le luci cambiano continuamente, e poter cambiare le impostazioni in corso d’opera ti permetterà di raggiungere un risultato ottimale, e personalizzato. Per quanto riguarda la velocità dell’otturatore, questa non deve essere troppo alta, in quanto non permette di catturare la luce al meglio. 1/250 è la velocità ideale che puoi impostare all’inizio, cerca però di non scendere mai sotto 1/100, perché in questo caso prenderesti troppa luce.

Per andare a compensare la luminosità, ti servirai dell’impostazione degli ISO. Se utilizzi una velocità elevata, alzare gli ISO ti permetterà di ottenere un livello di luce sufficiente, mentre con tempi più lenti potrai scegliere un valore più basso, per far entrare meno luce.

La messa a fuoco dovrà invece essere automatica, per non perdere tutti i cambiamenti e i movimenti che occorrono durante un concerto. Si tratta di un modo per guadagnare velocità, e immortalare diversi soggetti e situazioni nell’arco di poco tempo.

Alcune dritte per essere un bravo fotografo di concerti

Scegli sempre il formato Raw + Jpeg. Il primo è necessario in fase di post-produzione. Il secondo è molto utile per inviare i tuoi scatti perché occupa meno spazio, essendo più leggero.

Cerca di arrivare sempre con almeno un’ora di anticipo, per calcolare le distanze e osservare gli spazi in cui farai il servizio. In questo modo avrai anche il tempo per fare qualche scatto di prova. Se c’è qualcuno che passa sul palco, approfitta per scattare una foto in modo da calcolare la profondità di campo. Infine, il consiglio da seguire è: fai tanta, tanta pratica! I primi servizi che farai saranno una palestra per quelli successivi, quindi se hai degli amici che suonano allenati prima a fotografare loro.

Pronto per metterti in gioco?

Condividi questo articolo