fotografia da viaggio

Fotografia da viaggio: gli aspetti peculiari da conoscere per un reportage perfetto

Sempre più persone durante i loro viaggi amano scattare foto per raccontare la propria vacanza e racchiudere negli scatti la storia, la tradizione e la cultura di un paese. Questa è la fotografia da viaggio, un genere fotografico nato tra i professionisti che si sta diffondendo anche tra i fotografi amatori. Per realizzare un reportage fotografico romantico, coinvolgente e suggestivo non è necessario avere grandissimi nozioni tecniche o strumentazioni avanzate, che di certo non guastano, ma è importante seguire alcune regole di base. Anche con un semplice smartphone è possibile realizzare una fotografia da viaggio che scolpisce nel cuore momenti indimenticabili della propria avventura.

Fotografia da viaggio: studia il posto che stai andando a vedere

Informarti sui luoghi che stai andando a vedere ti aiuta a programmare il tuo reportage da viaggio così da fotografare le scene o i soggetti selezionati come e quando vuoi. Se ad esempio vai a Londra informati sull’orario del Cambio della Guardia; a Praga l’Orologio Astronomico scocca ad ogni ora mettendo in atto il “Corteo degli Apostoli” tramite un sofisticato meccanismo, conquista un buon posto per scattare quanto più vicino possibile; se vai in un safari studia in anticipo il comportamento degli animali, così da poter catturare qualche atteggiamento simpatico e curioso in determinati orari o in determinati posti.

L’importanza della luce

La luce è un aspetto fondamentale per la buona riuscita di una foto, quindi devi organizzare il tuo reportage per fotografare con la luce migliore. Dopo aver individuato i punti di interesse cerca di capire quando sorge e quando tramonta il sole, due momenti generalmente molto indicati per scattare foto di grande qualità e dal grande impatto emotivo. Il mezzogiorno è un orario sconsigliato poiché il sole è perpendicolare rispetto alla terra ed i raggi verticali non proiettano ombre, che invece danno profondità agli scatti.

Rispetta le persone

Più che un consiglio tecnico questa è sicuramente una regola della buona educazione: rispetta le persone e le loro usanze. Prima di scattare una foto ad un soggetto folkloristico o tipico del paese che stai visitando chiedigli se puoi fotografarlo.
In questo modo hai l’opportunità di scegliere l’inquadratura che vuoi, senza la necessità di cimentarti in foto da lontano con lo zoom al massimo come una sorta di cecchino. Inoltre metterai più a suo agio il soggetto da fotografare, che può esprimere meglio la sua personalità e le sfumature del popolo e della cultura che rappresenta.

Massima creatività

Potrebbe sembrare un consiglio ovvio e scontato, ma dietro l’obiettivo dai libero sfogo alla tua creatività per scattare foto originali. Alcuni luoghi vengono fotografati migliaia di volte al giorno da centinaia di persone, fare una foto tradizionale non apporterebbe nulla di nuovo alla tua fotografia di viaggio.
Per dare un tocco di originalità bastano pochi accorgimenti. Ad esempio puoi cambiare il punto di scatto, fotografare ad orari diversi oppure giocare un po’ in post-produzione con un suggestivo bianco e nero o mettendo in risalto alcuni colori piuttosto che altri. L’effetto finale sarà molto suggestivo ed avrai dato un tocco personale ad una foto che altrimenti risulterebbe piatta e monotona. Ottimizzare i colori e la composizione in post-produzione va bene purché non esageri, altrimenti la foto risulterebbero troppo artificiosa e perderebbe la sua armonica naturalezza.

Condividi questo articolo